Checkupenergetico.comCheckupenergetico.com

Confronta
i migliori
preventivi

Articoli Check-up energetico

Settori

Vuoi calcolare il valore del tuo immobile? Controlla la classe energetica!

foto news

14 settembre 2017 Check-up energetico

Vendere e comprare casa è una decisione importante. Ma come conoscere il valore dell’immobile? E’ vero che la classe energetica è determinante?

Andiamo con ordine. Dall’1 gennaio 2012 l’Unione Europea ha imposto l’obbligo di esibire L’APE - attestato di prestazione energetica - degli immobili sugli annunci commerciali di vendita. L’APE è un documento ufficiale, rilasciato da un professionista qualificato dopo un sopralluogo fisico in cui ispeziona area climatica, ventilazione, impianto idrico ecc., volto a conoscere lo “stato di salute” dell’immobile (Ne abbiamo parlato anche qui).

In questo modo è possibile conoscere la classe energetica della struttura, i consumi e gli eventuali interventi da eseguire per migliorare il rendimento energetico. Le classi energetiche vengono calcolate sulla base di parametri standard e organizzate in maniera gerarchica: si va dal valore più alto A4, quindi più performante a livello energetico, al valore più basso e dispendioso G.
L’intento a livello aggregato europeo, è il cosiddetto “Obiettivo 20-20-20”, la riduzione cioè del 20% del consumo di energia primaria, la riduzione del 20% delle emissioni di CO2 e il raggiungimento del 20% nella produzione di energia da fonti alternative entro il 2020. Già il Decreto Ministeriale del 26 giugno 2015 afferma che i nuovi edifici dovranno essere a energia quasi zero.

 

La classe energetica influisce sul valore dell'immobile?

Tornando alla domanda inziale: può il calcolo dell’immobile essere influenzato dalla classe energetica in maniera determinante? E, se sì, in che misura influenza la valutazione? E’ un fattore da tenere in considerazione quando si pensa alla vendita o all’acquisto di una struttura?  

I pareri degli esperti non sono univoci, o meglio non lo sono in un contesto in cui le variabili in campo sono molte e giocano in maniera non equa. Spieghiamoci meglio.
Secondo il rapporto annuale dell’andamento del mercato immobiliare stilato da I-Com, Enea e Fiap (Per approfondire vedi qui) l’efficienza energetica è uno dei fattori che più determina il valore di una struttura, ma solo a parità di condizioni. In altre parole minore è il consumo energetico per la presenza di strutture ad alta efficienza, come isolanti termici e pannelli fotovoltaici (sarà quindi migliore la classe energetica individuata), maggiore sarà la valutazione della struttura.
Tale influenza però deve tener conto anche di altri fattori, ugualmente incisivi nel calcolo del valore: posizione, quadratura, stato dell’immobile, rifiniture possono pesare più della variabile “efficienza energetica”.Quindi, per esempio, un bilocale in centro con una più bassa classificazione energetica potrà essere valutato più di un trilocale classe A ma in periferia.

 

È utile migliorare il rendimento energetico?

Allo stato attuale, sempre secondo il rapporto prima citato e in continuità rispetto all’anno precedente, vi è una netta differenza tra gli immobili di pregio o di nuova costruzione (anche grazie a finanziamenti e eco-bonus) e gli immobili da ristrutturare, i quali rientrano in classi energetiche scadenti. I primi infatti rappresentano una percentuale minima nel conteggio fatto sulle compravendite del 2015 rispetto ai secondi.
È possibile spiegare questo dato attribuendolo alla poca consapevolezza, tanto di chi vende quanto di chi compra, sull’importanza dell’efficienza energetica come fattore determinante per calcolare il valore immobiliare e sull’utilità dell’APE come strumento di determinazione di tale valore.

Questo discorso dovrà comunque tenere conto degli sviluppi futuri, frutto delle variazioni normative che il legislatore proporrà, in termini di implementazione degli impianti energetici ad alta efficienza (fotovoltaico, pannelli solari, pompe di calore, installazioni termiche), di diminuzione dell’impatto ambientale e riduzione degli sprechi energetici.

Per cui sì, la classe energetica influenza il valore dell’immobile, ma non vi è ancora la giusta consapevolezza da parte degli attori non professionisti, che dovrà quindi essere stimolata da un’opportuna educazione al consumo ponderato e al risparmio energetico.

 

Se sei interessato a lavori di efficienza energetica, su Checkupenergetico.com trovi i migliori professionisti vicino a te

classe energetica valore immobile

 

 

 


Può interessarti anche